Architettura ecosostenibile: il ruolo dell’energia

Negli ultimi anni si è affermato il concetto di architettura ecosostenibile. I punti cardine e gli obiettivi di questa visione, non più troppo futuristica ed estremamente innovativa, dell’arte del costruire, trovano spunto dall’esigenza di promuovere la sostenibilità ambientale.

Gli edifici del futuro, se così li possiamo chiamare, che andranno a formare sempre più smart cities (per saperne di più, clicca qui).

Cosa racchiude il concetto di architettura ecosostenibile e quale ruolo giocano le fonti di energia rinnovabile in questo nuovo modo di intendere l’architettura? Vediamolo insieme.

Cosa si intende con architettura ecosostenibile?

L’architettura ecosostenibile è, dal nome stesso, una forma di architettura attenta all’ambiente, che mira a ridurre l’inquinamento provocato dal settore edilizio, grazie all’utilizzo di tecniche di progettazione all’avanguardia e materiali ecosostenibili.

Affonda le sue radici negli anni 70 del ‘900, periodo in cui nasce la bioedilizia in Germania, con quella che è definita Baubologie. Negli ultimi anni è tornata in auge, grazie anche ad una maggiore sensibilità verso le tematiche green.

In sostanza, l’architettura ecosostenibile mira alla progettazione e alla costruzione di edifici a basso impatto ambientale, con un occhio di riguardo al benessere della persona e all’efficienza energetica.

Infatti, si basa su tre principi:

  • Ecobilancio
  • Compatibilità
  • Benessere

Ecobilancio: a basso impatto ambientale

Il principio dell’ecobilancio si basa sul rendere gli edifici sostenibili dal punto di vista dell’impatto ambientale, valutandolo per tutto il ciclo di vita dell’edificio e dei materiali scelti.

Quindi, non solo al momento della progettazione, ma anche durante l’utilizzo, prendendone in considerazione anche la successiva fine, col presupposto che l’edificio non debba rilasciare nell’ambiente sostanze dannose.

Compatibilità: connubio perfetto

La compatibilità riguarda l’integrazione tra l’edificio e l’ambiente. Ogni opera architettonica, infatti, deve essere in armonia con la natura circostante, così che gli sprechi siano limitati, dando priorità al benessere collettivo.

Benessere: la persona prima di tutto

L’architettura ecosostenibile mira al benessere degli abitanti dal punto di vista psicofisico.

Infatti, adotta soluzioni come il cappotto termico, per trattenere al meglio il calore d’inverno, e un sistema di ventilazione per il ricambio dell’aria, oltre ad una connessione internet veloce.

Insomma, tutti i comfort che sono necessari per una qualità della vita elevata.

Architettura ecosostenibile: quali obiettivi?

Basandosi sui tre principi specificati prima, l’architettura ecosostenibile si pone obiettivi che siano in linea con le proprie caratteristiche primarie.

Quindi, gli obiettivi principali sono:

  • Efficienza energetica
  • Sostenibilità
  • Estetica

Nell’architettura ecosostenibile, l’energia gioca un ruolo fondamentale. Il primo obiettivo è quello dell’efficienza energetica, con una serie di interventi volti proprio all’efficientamento energetico (per saperne di più, clicca qui).

La sostenibilità si lega a questo obiettivo, in quanto per l’efficienza energetica è necessario adottare soluzioni che utilizzino per lo più fonti di energia rinnovabile, come il fotovoltaico.

Questo, però, non deve intaccare sull’estetica dell’edificio, il quale deve essere armonico e dalle linee pulite.

Un edificio progettato secondo i canoni dell’architettura sostenibile deve utilizzare al meglio l’energia autoprodotta, avere un occhio di riguardo all’ambiente ed essere esteticamente gradevole alla vista.

Architettura ecosostenibile: i materiali

Nell’architettura ecosostenibile, i materiali sono fondamentali e devono corrispondere a specifiche caratteristiche.

Questi, infatti, presentano come necessità primaria l’essere recuperabili e smaltibili, e il dispendio di energia per estrarli e lavorarli deve essere minimo.

Si prediligono, per esempio, materiali come argilla, linoleum e pietre raccolte a km 0.

In questo modo, anche la struttura dell’edificio sarà totalmente sostenibile, eliminando materiali inquinanti come il cemento armato.

Architettura e sostenibilità devono lavorare insieme per aumentare il benessere delle persone e dell’ambiente, contribuendo al processo di sviluppo sostenibile (per saperne di più, clicca qui).

Quali sono gli edifici ecosostenibili?

Per entrare ancora più nel dettaglio, l’architettura ecosostenibile presenta esempi concreti per poter entrare in questo mondo fatto di sostenibilità ed estetica.

L’AIA (American Institute of Architets) ogni anno premia i 10 migliori progetti di architettura sostenibile al mondo, organizzando la COTE (Committee on the Enviroment).

Un esempio che troviamo in questa top 10 del 2021 è la Hayden Library della Arizona State University, la quale, citando proprio l’AIA è:

“Un Fantastico esempio di ciò che può essere fatto su un edificio esistente, e l’aggiunta è splendidamente integrata nel contesto più ampio”.

Anche la riqualificazione degli edifici fa parte dei progetti di architettura ecosostenibile, e la Hayden Library ne è un ottimo esempio. Per scoprire gli altri componenti di questa classifica, per il 2021, clicca qui.

Se, invece, guardiamo all’Italia, un buon esempio di architettura ecosostenibile si trova a Milano, con il Bosco Verticale.

Bosco Verticale è un complesso che, grazie all’utilizzo delle piante in modo intelligente ed efficiente, permette di creare luoghi verdi nello spazio urbano, favorendo così la biodiversità.

In conclusione, gli edifici costruiti secondo l’architettura ecosostenibile utilizzano molto le fonti di energia rinnovabile, a basso impatto ambientale e dalla resa efficiente, cercando di autoprodursi quanta più energia possibile, garantendo così i migliori comfort, senza rinunciare all’estetica.

Per questo, il fotovoltaico è largamente utilizzato, in quanto presenta:

  • Resa efficiente
  • Estetica lineare
  • Produzione di energia pulita

Andando così a toccare tutti gli obiettivi che l’architettura ecosostenibile si pone.

Compila il form, al resto pensiamo noi!

    Nome *
    Cognome *
    Email *
    Città *
    Telefono *
    Consumi *
    Chiama ora