Superbonus: cessione del credito alla banca

Grazie al Decreto Rilancio è possibile riqualificare e ristrutturare casa a costo zero. Come? Sfruttando l’incentivo fiscale Superbonus 110% che copre le spese sostenute fino a dicembre 2022 (se entro il 30 giugno dello stesso anno è stato completato il 60% dei lavori) per la riqualificazione energetica degli edifici residenziali.

Cosa significa la cessione del credito alle banche?

Chi beneficia del Superbonus può scegliere di trasferire il credito di imposta a una banca per avere liquidità immediata. Questo procedimento elimina la necessità di recuperare il beneficio fiscale nella dichiarazione dei redditi.

La cessione del credito alla banca è possibile quando le fatture relative a saldo o a SAL sono già state pagate.

La cessione del credito è un’opzione che deve essere esercitata nella piattaforma web dedicata dell’Agenzia delle Entrate, dopo aver stipulato un contratto con la banca: solamente così quest’ultima può accettare il credito di imposta.

Come funziona la cessione del credito alla banca

Passare all’energia green non richiede sforzi economici se si aderisce al Superbonus e si opta per la cessione del credito che corrisponde alla detrazione spettante, a terzi intermediari finanziari che si occupano dell’anticipo dei costi. In particolare, oltre a chi esegue i lavori, si può scegliere di cedere il credito di imposta del Superbonus alle banche: sono diversi gli istituti che offrono questa possibilità, e applicano condizioni differenti.

La cessione del credito non è un’operazione complessa, tuttavia è meglio essere guidati da un professionista che avvii il processo e carichi i documenti sul sito dell’Agenzia delle Entrate. A questo punto è possibile contattare una banca con la quale stipulare un pre-accordo di cessione, definendo le condizioni economiche. In questa fase la banca chiede al cliente una serie di documenti necessari per la compravendita e verifica la conformità.

Cessione del credito: quando l’acquisto viene effettuato da un general contractor

La documentazione da fornire alla banca include:

  • Visto di conformità del credito;
  • Asseverazione tecnica dei lavori;
  • Modello di esercizio dell’Agenzia delle Entrate;
  • Attestazione dell’inoltro delle pratiche all’Agenzia delle Entrate/ENEA;
  • Dichiarazione di conformità dei documenti.

Cessione del credito: quando l’acquisto viene effettuato da un privato

I documenti da fornire alla banca comprendono anche:

  • Titolo abilitativo;
  • Visura catastale che attesti la proprietà o i diritti di godimento sull’unità immobiliare;
  • Preventivi di spesa;
  • Autocertificazione sull’uso residenziale.

Ora che hai le idee più chiare su come funziona la cessione del credito, scopri tutti gli incentivi per i privati e contatta gli esperti di Valore Solare per discutere degli interventi per riqualificare la tua casa.

Compila il form, al resto pensiamo noi!

    Nome *
    Cognome *
    Email *
    Città *
    Telefono *
    Consumi *
    Chiama ora